Pagine

mercoledì 11 ottobre 2017

Zuppa di miglio e ceci


Sembrava fosse arrivato il freddo, e invece no, oggi alle 14 c’erano quasi 30 gradi, io però ad un bel piatto di zuppa fumante non ci rinuncio mai. Preparai per la prima volta questa ricetta la scorsa primavera, poi è arrivata l’estate e non l’ho pubblicata. Visto che a grande richiesta la preparo ormai almeno una volta a settimana, ho deciso di postarvela sperando che piaccia anche a voi, come piace qui a casa. E’ una zuppa davvero nutriente e sana. Il miglio contiene sali minerali e vitamine,i ceci invece il giusto apporto di proteine. Un piatto che ci fornisce quindi tutto quello di cui abbiamo bisogno. Se volete prepararla anche voi, vi lascio la ricetta.

230gr ceci già cotti (per 3 persone)
60gr miglio
1 spicchio d’aglio
5 cucchiai di passata di pomodoro
1l d’acqua
Un pizzico di cumino, peperoncino, paprika,pepe
Un filo d’olio extra vergine


In una pentola scaldate l’olio con l’aglio in camicia schiacciato e le varie spezie, appena sentite sfregolare unite i ceci, e il miglio che avrete precedentemente sciacquato, lasciate insaporire un paio di minuti e unite poi la passata di pomodoro, mescolate per bene il tutto, ed appena il pomodoro comincia a sobbollire aggiungete l’acqua e salate, coprite con un coperchio e lasciate cuocere a fuoco medio-basso per circa mezz’ora. Passato il tempo leviamo l’aglio e finiamo con una spolveratina di pepe e se serve aggiustiamo di sale. Ora non ci resta che impiattare, e servire questa fumante e gustosa zuppa ai nostri commensali. Vi saluto augurandovi una buona serata. Alla prossima    


mercoledì 4 ottobre 2017

Maxi Bag


Per noi donne la borsa è qualcosa di davvero indispensabile, perché non è solo un accessorio, dentro di essa c’è praticamente tutta la nostra vita. Mi viene in mente la canzone di Noemi che comincia dicendo proprio “La borsa di una donna pesa come se ci fosse la sua vita dentro”. Ovviamente i significati sono tanti ma è davvero così, si sta sempre più tempo fuori casa che ci infiliamo dentro davvero di tutto. Non so voi ma io porto con me sempre una bottiglietta d’acqua, non sia mai che poi non abbia appresso almeno un pacchetto di fazzoletti, ovviamente il portafogli, che oltretutto fanno sempre più giganti, infatti quando esco la sera e cambio la borsa magari con una pochette infilo tipo qualche soldo nella foderina del documento o addirittura nella cover del cellulare. E così la borsa comincia già a pesare, e se poi ci aggiungiamo il giacchetto che in questo periodo è un continuo metti e leva, visto che un attimo fa caldo, e l’attimo dopo tira vento e fa freddo, le 2500 chiavi, con ovviamente il portachiavi del concerto, quello dell’ultima vacanza, e il telecomando della macchina, varie penne, agende, e crackers, che alla fine facciamo prima ad uscire col trolley e non ci pensiamo più. Quindi l’alternativa a tutto ciò sono le MAXI BAG. Le borse giganti, che oltre ad essere super capienti sono anche belle e alla moda. Tipo la mia nuova Carpisa, che mi è stata regalata al compleanno. Ecco lei ha veramente tutti i requisiti che cerco in una borsa. Se poi mettiamo dentro non so bene il nome, e lo chiamerò quindi organizer, basterà trasferirlo da una borsa all’altra, così visto che siamo sempre di corsa, potremo cambiarla davvero in un attimo.


Com’è la vostra borsa? Anche voi ci mettete di tutto dentro, o portate solo l’essenziale? Lasciatemi se volete le vostre risposte nei commenti. Vi mando un forte abbraccio. A presto    


mercoledì 27 settembre 2017

Melanzane croccanti


Ciao a tutti. Oggi voglio mostrarvi una ricetta davvero ma davvero buona. Sono tipo cinque giorni che provo a postarla, ma ho avuto qualche problema con il pc. Cercavo una ricetta sfiziosa da preparare per il mio compleanno, in casa avevo una melanzana bella grande, e pensando e ripensando a come prepararla, volevo una cosa super strong, che non fossero le solite melanzane alla parmigiana, grigliate o come condimento  di una pasta, così alla fine ho deciso di panarle, ma con una panatura davvero speciale, ovvero delle patate tagliate piccolissime, quasi tritate. Che ve lo dico a fare, sono venute una vera bomba. Ovviamente vanno fritte, ma siccome la croccantezza che avevano non mi bastava, le ho passate 5 minuti nel forno. L’olio in eccesso si asciuga, e il calore ovviamente continua a cuocerle, il risultato finale è da oscar. A me sta venendo l’acquolina solo a scriverlo. Vi lascio gli ingredienti:

1 melanzana nera bella grande (per 4 persone)
1 uovo
4-5 patate
Farina q.b.
Olio di semi per friggere
Sale fino q.b.


Tagliate a fette piuttosto spesse la melanzana, passatele nella farina, poi nell’uovo precedentemente sbattuto ed infine nelle patate tagliate piccolissime, come quando tritiamo la cipolla. Scaldiamo abbondante olio in una padella bella ampia, e friggiamo un po alla volta le nostre fette di melanzane finche non saranno dorate in entrambi i lati. Scolatele su carta assorbente, e nel frattempo accendente il forno. Su una placca ricoperta da carta forno disponete le melanzane, ed infornatele a 200° per circa 5 minuti. Tiriamole fuori e saliamole in superficie. Ora non ci resta che portare a tavola questo splendore. Io le ho usate come contorno, ma sono perfette anche per un aperitivo, o un antipasto. Spero che la ricetta via sia piaciuta. A casa hanno gradito davvero molto. Vi mando un abbraccio e vi auguro una buona serata. Alla prossima.


mercoledì 20 settembre 2017

Cambio Look

Si ritorna dalle ferie sempre con una gran voglia di cambiamenti e novità, sia negli ambiti lavorativi e di vita in generale, e sia per quanto riguarda il nostro corpo, tipo la famosissima frase “a settembre mi vado subito ad iscrivere in palestra”, oppure il nostro look, in particolare i capelli. Oggi infatti voglio parlarvi proprio di essi. Delle nuove tendenze di questo autunno-inverno. Innanzitutto per mia grande gioia, basta capelli lisci, che siano lunghi o corti, la faranno da padrone le onde, e i capelli mossi in generale, che danno comunque quell’aspetto curato ma molto più naturale rispetto alla solita piega super liscia e anonima. Per quanto riguarda il colore, anche qui si resterà molto naturali, castani a volontà in tutte le sue tonalità, od esaltando con sfumature e piccoli punti luci il proprio colore base. E se invece cercate qualcosa di più trasgressivo, anche quest’anno ritroviamo le nuances azzurre e rosa. E per le amanti della frangia come me, tornerà di moda anch’essa, sia in versione super corta, che lunga.






Niente male vero? Anche quest’anno insomma c’è proprio da sbizzarrirci. Basta trovare un po di coraggio, e il parrucchiere giusto, perché sennò son guai io ne so qualcosa. Non mi resta che salutarvi, augurandovi una buona serata. A presto.





venerdì 8 settembre 2017

Rotolo di crepes alla ricotta con salsa di zucchine


Oggi voglio mostrarvi una ricetta semplice e fresca, che ho preparato un po di tempo fa ma che non ero ancora riuscita a condividere con voi. Ho usato delle crepes per formare un rotolo, non contengono farina nel composto e sono quindi adatte anche per gli intolleranti al glutine. Và bene per un antipasto o un secondo piatto, ma anche per un buffet in una cena in piedi. Ecco gli ingredienti:

Per il ripieno:
65gr fagiolini
4 pomodori piccadilly
200gr ricotta di pecora
2 cucchiai di parmigiano reggiano
1 cucchiaio d’olio
3 foglie di basilico
Sale, pepe q.b.

Per le crepes:
3 uova
½ tazzina di latte

Per la salsa:
1 zucchina romanesca medio-grande
8 capperi sotto sale
1cucchiaio d’aceto di mele
3 cucchiai d’olio extra vergine
1 cucchiaio d’acqua
Sale q.b.




Per prima cosa lessate i fagiolini e lasciateli raffreddare. Rompete le uova e sbattetele in una ciotola con il latte. Scaldate una pentola piuttosto piccola ed ungetela, prendete un mestolino di composto per ogni crepes, finchè non sarà finito. Tenetele da parte ed occupiamoci della farcia. Mescolate la ricotta con il parmigiano, l’olio, il basilico fatto a pezzettini, il sale, e il pepe. Prendete le crepes e disponetele sopra un foglio di pellicola bello lungo, spalmateci il ripieno di ricotta, i pomodori precedentemente tagliati a rondelle messi tutti intorno ed in mezzo i fagiolini. Aiutandoci con la pellicola formiamo il nostro rotolino, chiudiamolo per bene ai lati e lasciamolo riposare in frigo per almeno 3 ore. Nel frattempo prepariamo la salsina, tagliando la zucchina a pezzettini che aggiungeremo poi in un bicchiere per frullarla con i capperi precedentemente sciacquati, l’aceto, l’olio, l’acqua, e un pizzico di sale, lasciando tutto a crudo. Tiriamo fuori il rotolo e leviamolo dalla pellicola. Tagliate delle fette trasversali non troppo fine, ed adagiatele accompagnate dalla salsina. Un piatto fresco e piacevole, da gustare in questi ultimi scampoli d’estate. Vi mando un abbraccio, augurandovi un buon weekend. Alla prossima


lunedì 4 settembre 2017

Shopping estivo

Ciao amiche e amici, come state? Come avete passato le vacanze? Mi siete mancati davvero tanto, è più di un mese che non pubblico niente, ma come al solito d’estate cerco di disintossicarmi un po da tutto ciò che riguarda la tecnologia, cercando di dedicarmi al relax ed alle persone a cui più voglio bene. Le ferie l’ho passate nella mia città, nessun viaggetto, ma ho organizzato un sacco di cenette, letto dei romanzi, e fatto un po di shopping. Oggi infatti voglio mostravi alcuni dei miei acquisti. La playsuit l’ho presa da Oviesse, mi ha colpito un sacco il tessuto, che la rende elegante ma allo stesso pratica, vista la semplicità del modello. L’ho indossata infatti nella giornata di ferragosto. Chi mi segue sui social, forse si ricorda di questa foto. Cercavo una nuova borsa estiva, che fosse ovviamente capiente, versatile, e rossa, si mi ero fissata che dovesse essere rossa, ed entrando da Globo, l’ho subito trovata. Mi è piaciuta all’instante, visto anche il prezzo molto conveniente, e nello stesso negozio ho scovato anche questi carinissimi sandali, bellissimo il colore bronzo, che li rende davvero eleganti, e poi sono davvero comodi, visto il cinturino che tiene ferma la scarpa ed ovviamente la caviglia. L’ho pagati poi solo 10€. Non trovo i prezzi delle altre cose, ma ricordo di non aver speso più di 15€ a pezzo.




Spero vi siano piaciuti i miei acquisti. Lasciatemi se volete un commento su come avete trascorso le vostre vacanze. Vi mando un grosso abbraccio. A presto


venerdì 28 luglio 2017

Risotto alla crema di gamberi


Anche se fuori ci sono 200°all’ombra, non riesco proprio a stare lontana dai fornelli, soprattutto se è per preparare un bel risotto di pesce. In questo caso con i gamberi. Avrei voluto scegliere gli scampi ma il mio pescivendolo di fiducia li aveva finiti. Leggendo qualche ricetta qua e là su internet mi sono accorta che sbagliavo un piccolo procedimento, ovvero la sfumatura del vino (o brandy) che io facevo sui gamberi, e che invece su più ricette veniva fatto nel momento del brodo. In più poi per scelta mia omettevo sempre la panna, ma poi mi sono detta, non succederà niente se una volta ogni tanto mangiamo una cosa un po’ più calorica no? Oltretutto pochi giorni fa, dopo averlo mangiato in un ristorante avevo troppa voglia di riproporlo, e speravo che venisse fuori un risotto ancora più buono di quelli mangiati in precedenza e che si avvicinasse appunto a quelli preparati nei ristoranti. Insomma è venuto fuori un piatto davvero super, proprio come volevo. Vi lascio la ricetta, che ormai sarà quella ufficiale per preparare questo risotto.

800gr gamberi interi (per 4 persone)
Per il brodo:
1 scalogno
½ bicchiere di vino bianco
1 carota
1 costa di sedano
3 cucchiai di passata di pomodoro
Un filo d’olio extra vergine
4-5 grani di pepe nero
1 litro e ½ d’acqua
Sale grosso q.b.
Per la crema di gamberi:
1 spicchio d’aglio
Succo di ½ limone
100ml panna
1 cucchiaino raso di paprika dolce
3 mestolini di brodo
Un filo d’olio extra vergine
Per il riso:
360gr riso arborio
1 scalogno
Un filo d’olio extra vergine

Sale, pepe, prezzemolo q.b.


La prima cosa da fare è pulire i gamberi. Levate le teste che conserveremo per il brodo, ed eliminate il carapace. Sciacquate i gamberi eliminando l’intestino che contiene la sabbia e sciacquate anche le teste. Ora in una pentola bella grande unite l’olio, e lo scalogno finemente tritato, non appena soffriggerà aggiungete le teste dei gamberi e sfumate con il vino oppure brandy, ovviamente in quantità più ridotte. Non appena l’alcol sarà sfumato mettete la passata di pomodoro ed allungate con l’acqua, insaporite con la carota e il sedano, il sale, il pepe in grani, e lasciatelo andare a fuoco basso per 45 minuti circa. Adesso occupiamoci della crema. Prendiamo una padella bella capiente e scaldiamo l’olio con uno spicchio d’aglio in camicia schiacciato, facciamo saltare i gamberi per 3-4 minuti e sfumiamo con il succo di limone. In un recipiente non troppo stretto uniamo i gamberi, la panna, il cucchiaino di paprika e 3 mestolini di brodo, eliminate invece l'aglio. Frulliamo il tutto fino a quando non otterremo una crema densa ed omogenea. Manca l’ultimo step cuocere il risotto. In un tegame versiamo l’olio e lo scalogno tritato finemente, non appena comincerà a rosolare aggiungiamo il riso facendolo insaporire per un paio di minuti, ora uniamo un po’ alla volta il brodo (che avremo precedentemente filtrato), finchè il riso non sarà cotto, continuando sempre a mescolare. Adesso non resta che mescolare all’interno la crema di gamberi, aggiustare di sale, una generosa spolverizzata di pepe, un pochino di prezzemolo tritato ed il nostro super risotto è finalmente pronto. Lo so sono tanti passaggi e la preparazione è lunga, ma quando andrete a tavola, credetemi che verrete ricompensati dai complimenti dei vostri commensali. Spero che la ricetta vi sia piaciuta, scusate se le foto non sono un granchè ma la macchinetta mi ha abbandonata proprio in quell’istante. Vi abbraccio. Buon weekend. Alla prossima