Pagine

martedì 7 giugno 2016

Paella di pesce


Oggi voglio presentarvi nel caso non la conoscesse, o non ne sapesse il procedimento: La paella. Non so perché ma ultimamente “sto in fissa” con i piatti spagnoli, magari a breve vi mostro pure il gazpacho, che d’estate è l’ideale. Questo che vi mostro oggi è il secondo tentativo, il primo non mi aveva soddisfatto granchè, ma con questo, documentandomi di più, posso dire di aver trovato la ricetta giusta. Sarà che è uno di quei piatti, con i quali non puoi andare ad intuito o a fantasia, ma devi rispettare certi passaggi. Anche se a dirla tutta qualcosa di importante mancava ovvero “la paellera” , la tipica padella o tegame dove appunto si prepara la paella. Detto ciò, ecco la ricetta:

350 gr riso arborio (le dosi sono per 4 persone)
260 gr calamari già puliti
175 gr gamberi sgusciati
390 gr vongole
1 peperone rosso
1 pomodoro grande a grappolo
1 spicchio d’aglio
1 bustina di zafferano
700 ml d’acqua per il riso + q.b. per le vongole
½ limone
Paprica q.b.
Sale q.b.
Olio q.b.

La prima cosa da fare è ovviamente pulire il pesce. I calamari fateli a pezzetti non troppo piccoli e i gamberi a metà. Tagliate a dadini piccoli i peperoni che potete lasciare con la buccia, o se volete invece levarla, mettete il peperone intero nel forno con un po’ d’olio e fatelo appassire per una mezz’oretta, lasciatelo raffreddare e a quel punto si spellerà con un attimo, tagliate a dadini il pomodoro, che anche qui nel caso volesse sbucciarlo incidetelo nella parte inferiore con un coltello facendo una x, un paio di minuti nell’acqua bollente ed il gioco è fatto. In un altro tegame mettete le vongole e ricopritele con l’acqua fredda, copritele con un coperchio, mettetele sul fuoco e lasciatele andare finchè non si aprono. Ora prendiamo una padella o un tegame che più si avvicina ad una paellera, mettiamo un filo d’olio e uniamo l’aglio schiacciato i pomodori e i peperoni, lasciamoli insaporire per qualche minuto, togliamo l’aglio e a questo punto aggiungiamo l’acqua. Appena bolle introducete il riso, lo zafferano, un pizzico di sale, e un pizzico di paprika, mescolate il tutto, e aggiungete i calamari, i gamberi, e le vongole con il loro guscio. Lasciatelo andare per 20 minuti e la nostra paella è pronta, fatela riposare qualche minuto,e ultimo tocco finale tagliamo a fettine il limone e disponiamolo sopra il riso. Portatela in tavola con tutta la padella ed impiattatela al momento. Addirittura ho letto che in alcuni posti, la tradizione dice che i commensali debbano mangiarla direttamente dalla padella. Tipo come facciamo noi con la polenta insomma. Che dite, vi è piaciuta questa ricetta? Lasciatemi una risposta nei commenti. Un abbraccio. #pentoleepochette  A presto 

8 commenti:

  1. Che meraviglia questo piatto Giorgia....farebbe la felicità dei miei tre uomini... ti rubo la ricetta, grazie, un bacio e...bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, spero vi piaccia...Un bacio

      Elimina
  2. Buonissima e golosissima la tua paella cara Giorgia, bravissimaaa!
    Ti abbraccio
    ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, sempre gentilissima...Buona serata

      Elimina
  3. Mi piace molto la paella, l'ho mangiata in Spagna in viaggio di nozze, a casa non l'ho mai fatta. Dovrò provare magari con la tua ricetta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere poi com'è e se c'è da fare qualche modifica!!!! Un abbraccio

      Elimina
  4. mmmm Giorgia! Che bontà! Mi hai fatto ricordare quante ne mangiai in Spagna!!!
    unospicchiodimelone!

    RispondiElimina