Pagine

venerdì 23 giugno 2017

Prova costume

Con questo caldo soffocante viene subito in mente il mare: un bel tuffo in acqua, o semplicemente una passeggiata sul bagnasciuga…si tutto bello però siete terrorizzate dalla prova costume? Vengo io in vostro aiuto. Avete qualche chiletto di troppo, o quella fastidiosissima buccia d’arancia? Innanzitutto, tutte siamo belle così come siamo, tutte abbiamo qualche buchetto di cellulite e và bene così, ma se vogliamo migliorarci un po’ e sentirsi più belle per noi e non per gli altri, che è la cosa fondamentale, alla base di tutto c’è un’alimentazione sana, lo stile di vita, e l’attività fisica. Soprattutto d’estate non so voi, ma io soffro tantissimo di ritenzione idrica, quindi bevete tanta acqua, tè verde, e tisane, tanta frutta e verdura, e riducete l’apporto di sale nel condimento dei cibi. Evitate ovviamente cose confezionate, fritte, e super condite. Il fine settimana però un bel frittino, magari vista la stagione, due bei fiori di zucca io non me li lascio scappare. Per quanto riguarda lo stile di vita ovviamente non si può fare tanto, però possiamo aiutarci riducendo le sigarette nel caso fumaste, ed evitando il consumo di alcol. Come esercizi fisici, fate tanti ma tanti squat, sono una vera mano santa, rinforzano le gambe e rassodano il lato B. E poi non possono mancare gli addominali, se volete eliminare quella fastidiosa pancetta. In più poi, possiamo aiutarci con qualche crema e fango da applicare sulle zone da migliorare. Evitate vi prego quelle creme industriali che troviamo ovunque e che cercano di appiopparci ogni due secondi, tra promozioni nei negozi, e pubblicità in tv. Sono davvero pessime, e l’inci è devastante. Lo scorso anno però, sul mio sito di fiducia ecobio che si chiama “ecocose” ho scovato un kit veramente geniale, composto da fiale da applicare prima del fango con tanto di pantaloni in dotazione (in alternativa alla pellicola), e una crema alle alghe. Il trattamento dura due settimane ed i risultati sono davvero evidenti, la pelle appare più soda e liscia, il senso di gonfiore dovuto alla ritenzione idrica sulle cosce si riduce tantissimo, ed anche il lato B appare più bello. Ovviamente l’ho riacquistato anche quest’anno. Insomma, mangiando bene, facendo un po di allenamento e usando le creme giuste, la prova costume non sarà più un incubo. Quindi correte a prenotare per le vacanze e non abbiate paura. Vi mando un grosso abbraccio e vi auguro un buon weekend. Alla prossima    

mercoledì 14 giugno 2017

Polpettine erbette e tofu


Il piatto che vi presento oggi, và bene per i celiaci, intolleranti al latte, vegetariani e vegani. Insomma nessun è escluso dal mangiare queste gustosissime polpettine. Un piatto sano, saporito che è piaciuto proprio a tutti. Anche i più scettici hanno super gradito, ovviamente che c’era il tofu glielo ho detto dopo. La salsina d’accompagnamento poi era davvero super, i pomodori secchi sono dei veri e propri alleati in cucina, ma basta chiacchiere vi mostro la ricetta:

per le polpette:
500gr erbette (per 13-14 polpette)
200gr tofu
Un goccio di latte di soia
2 cucchiai di farina senza glutine
Pepe nero, noce moscata, sale q.b.
Pan grattato per impanare (senza glutine e derivati del latte)
Per la salsa:
10 pomodori secchi sott’olio
100ml passata di pomodoro
2 mestolini d’acqua
1 spicchio d’aglio
Peperoncino in polvere q.b.
Un filo d’olio



Per prima cosa lavate la bieta e fatela appassire in una padella con un coperchio per circa 5 minuti a fuoco basso, non cuocetela troppo deve rimanere bella verde  e croccante. Fatela raffreddare per una mezz’oretta. Tagliate a pezzettini il tofu e frullatelo insieme alle erbette, il latte, un pizzico di sale, uno di pepe, ed una spolveratina di noce moscata. Ottenuto il composto versiamolo in una ciotola, aggiungiamo la farina setacciata, e mescoliamola all’impasto. Lasciamolo da parte ed occupiamoci della salsina. Con un mixer ad immersione frulliamo i pomodori secchi tagliati precedentemente a pezzetti, aiutandoci con due mestolini d’acqua. In un pentolino scaldiamo un filo d’olio con il peperoncino e l’aglio in camicia schiacciato, uniamo il composto di pomodorini e lasciamo insaporire per qualche minuto, mettiamo poi la passata di pomodoro, lasciamo cuocere per circa cinque minuti e spegniamo il fuoco, ricordandovi di levare l’aglio, vista la sapidità dei pomodori non occorre aggiungere sale. Prendete l’impasto formate le polpettine e passatele nel pan grattato, non preoccupatevi se vi risulteranno morbidissime, in cottura poi prenderanno la giusta consistenza. Mettetele in una teglia con della carta forno e cuocetele a 200° per 25 minuti. Servitele in un bel piatto mettendo sopra ad ogni polpettina un po di salsa che se preferite potete darle un’ulteriore riscaldata. Ora è davvero tutto pronto e non vi resta che portarle a tavola. Io le ho servite come secondo piatto, ma vanno benissimo anche per un antipasto. Vi saluto, spero che la ricetta vi sia piaciuta. Un grande abbraccio. A presto    

venerdì 9 giugno 2017

Outfit d'estate

Ciao a tutti. Dopo un sacco di giorni, eccomi di nuovo qui. Come state? Spero tutto bene. Direi che l’estate è ufficialmente arrivata, ed anche se fa veramente caldo, il sole e le giornate più lunghe, mettono subito il buonumore. Uno dei miei outfit preferiti in queste giornate è un bel pantalone a vita alta, con sopra un crop top e sotto le converse, che tra le scarpe chiuse sono comunque le più fresche. Questo stile, è adatto per tutti i giorni, comodo, ma comunque ricercato. Se poi lo si vuole rendere più elegante, da portare anche di sera, basta sostituire la scarpa da ginnastica con magari un bel paio di zeppe.

 Top: Jennyfer
Jeans: Levis
Scarpe: Converse All star


Spero che l’outfit sia piaciuto anche a voi. Certo preferirei di gran lunga, indossare un bel costume e un paio di infradito, ma per il momento bisogna aspettare, anche se il 2 sono riuscita a fare una capatina al mare, e vi assicuro che si stava divinamente. Ora vi saluto, sperando di riuscire a scrivere più spesso. Vi auguro un buon weekend. Alla prossima    

venerdì 26 maggio 2017

Uova in trippa


Conoscete questa ricetta? E’ un antico e tipico piatto romano, dove le protagoniste sono le uova. Una semplice frittata viene tagliata a striscioline, assumendo le sembianze della trippa. E’ un piatto davvero gustoso, economico, che sa di casa. Ho modificato un po’ la classica ricetta, usando il basilico al posto della mentuccia, e aggiungendo i fagioli, rendendo il piatto ancora più nutriente e sostanzioso. Vi lascio la ricetta:

4 uova (per 3 persone)
2 cucchiai di pecorino romano grattugiato (o parmigiano reggiano)
250gr fagioli cannellini già cotti
200ml passata di pomodoro
2-3 foglie di basilico
1 spicchio d’aglio
Pepe, sale, peperoncino in polvere q.b.
Un filo d’olio extra vergine



In una ciotola sbattete le uova con un pizzico di sale, uno di pepe e il parmigiano (o pecorino). Scaldate una padella media con un filo d’olio, ed unite all’interno le uova, per preparale la frittata. Una volta pronta, trasferiamola su un tagliere, e lasciamola raffreddare qualche minuto. Nel frattempo, nella stessa padella, uniamo l’aglio e il peperoncino, appena comincia a sfregolare introduciamo i fagioli, facendoli insaporire per un paio di minuti, e poi la passata di pomodoro con il basilico tagliato a pezzi grossolani e aggiustiamo di sale. Cuociamo a fuoco basso per qualche minuto, torniamo quindi alla frittata, tagliatela a metà e poi a striscioline spesse circa 1,5 cm. Leviamo l’aglio dal pomodoro, e mettiamo nella padella la nostra “finta trippa”, mescoliamo per bene, e dopo un paio di minuti spegniamo il fuoco. Trasferiamo in un piatto da portata, e spolverizziamo ancora un altro po’ di pepe. Se volete potete aggiungere anche del pecorino grattugiato sopra. Portate a tavola, e godetevi questa gustosissima bontà, mi raccomando poi, col sughetto che rimane nel piatto, la scarpetta è d’obbligo. Un bacio grande e buon weekend. Alla prossima    




martedì 23 maggio 2017

Rimmel

Anche stamattina accendendo la TV, l’ennesima tragedia, l’ennesimo attentato. Una serata spensierata, trasformata in un incubo, che segnerà per sempre le vite di quei ragazzi, e delle loro famiglie. Per tutte quelle innocenti e giovani vittime non ci resta che pregare. Cercando di non farsi abbattere da questi eventi, e continuando a vivere la nostra vita e la nostra quotidianità senza avere paura, anche se sembra sempre più difficile. Tornando quindi ad occuparsi di ciò che questo blog racconta, oggi voglio parlarvi del mascara. Un cosmetico di cui proprio non si può fare a meno. Valorizza e rende più folte e lunghe le nostre ciglia, rende lo sguardo più magnetico, e completa tutto il nostro trucco. Anche in quei giorni, quando proprio non ci và di truccarci, ma vogliamo comunque avere un aspetto curato, una passata di mascara ed il gioco è fatto. Tra tutti quelli che fino ad ora ho provato, i miei preferiti sono: il "They’re real" della Benefit, non proprio economico, costa circa 28€, ma credetemi li vale proprio tutti, le allunga, le curva e le rende davvero folte, non cola, e poi il flaconcino dura per molto tempo e non si asciuga. Un altro che mi piace davvero molto e che ha un costo medio tra gli 8-10€ è il "Vamp" di Pupa. Anche qui super volume, il nome che gli è stato dato è davvero quello giusto, dura forse meno dell’altro e si secca prima, ma il mio voto è comunque alto. E poi ci sono i mascara della Essence, economici, non costano più di 4€, e qualsiasi scegliete, che sia “i love extreme”,  “Get BIG lashes”, “lash princess", andate sul sicuro. Il primo di questi tre le rende davvero folte, e le riempie molto, nel senso che sembra di avere l’eyeliner, tanto le rende nere per capirci (non sono bravissima a descrivere ahaha), il secondo le curva davvero molto, se siete in cerca di uno sguardo da “occhi da cerbiatta” è il mascara che fa per voi. L’ultimo che poi è quello che sto usando questo periodo, senza lode e senza infamia, fa il suo dovere, le riempie e le allunga al punto giusto. Adatto quando si vuole qualcosa di più semplice. Devo dire che di mio ho già delle ciglia lunghe che non richiedono particolari attenzioni, ma se parliamo di qualità a livello di prodotto mi sento di bocciare il mascara “Shock” della Collistar. Avete presente quei rimmel  che nel momento che magari l’occhio è più umido, tipo uno starnuto, uno sbadiglio, o semplicemente il sole, cominciano a bruciare da impazzire? Ecco questo è proprio così. La sensazione che si ha quando si taglia la cipolla per intenderci. Io poi mi ricordo di averlo usato d’estate, ed è stato un vero casino, ero sempre lì a ritoccare il trucco, evitando di avere l’odiato”effetto panda”.


Ovviamente questi sono i miei pareri personali. Voi invece li avete mai provati? Qual è il vostro mascara preferito? Ne avete qualcuno da consigliarmi? Lasciatemi nei commenti, le vostre risposte. Vi mando un grande abbraccio, ultimamente sono meno presente, ma appena posso rimedierò, tanto da stufarvi di starmi a sentire anzi di leggere. Una buona serata. A presto    




mercoledì 17 maggio 2017

Spatzle verdi pomodoro e provola


Ciao a tutti. Passa sempre troppo tempo tra un post e l’altro, finalmente (diciamolo a bassa voce) le formiche sono K.O. e il cambio di stagione è stato fatto, quindi oggi riesco a condividere con voi questa ricetta. Ormai gli Spatzle l’ho fatti veramente in tutti i modi, e conditi con i più svariati ingredienti, mi mancava però di farli verdi. E devo dire che anche fatti così sono buonissimi, il condimento che ho usato poi è davvero semplice ma pieno di sapori e profumi, ovvero dei succosi pomodori rossi, qualche foglia di basilico fresco e dadini di provola affumicata, e infine passati un attimo nel forno col grill per dargli croccantezza. Volete provarli anche voi? Ecco la ricetta.

Per gli Spatzle (per 4 persone):
50gr spinacino
275gr farina 00 o senza glutine
2 uova
20ml latte
50ml acqua
Sale, noce moscata q.b.
Per il condimento:
4 pomodori rossi a grappolo
3-4 foglie di basilico
100 gr provola affumicata
2 cucchiai di parmigiano grattugiato
Pepe bianco,sale q.b.
Un filo d’olio


Con un mixer ad immersione frullate lo spinacino con il latte. In una ciotola bella ampia setacciate la farina ed aggiungete ad essa le uova, un pizzico di sale ed uno di noce moscata, con una frusta cominciate a mescolare delicatamente, unite poi lo spinacino frullato, e l’acqua un po alla volta finche non avremo ottenuto un impasto verde, omogeneo e bello sostenuto, che lasceremo riposare mentre prepariamo il condimento. Mettiamo a bollire in una pentola bella grande l’acqua salata per cuocere gli Spatzle, e un altro pentolino sempre con dell’acqua ma non salata. Facciamo una croce sulla parte inferiore dei pomodori, ed immergiamoli nella pentola più piccola, non appena l’acqua bolle, lasciamoli non più di un minuto, raffrediamoli poi leggermente con dell’acqua corrente, questo procedimento ci aiuterà a spellare i pomodori in un attimo, eliminiamo la parte interna con i semi e tagliamoli a dadini. Conditeli in un piatto con le foglie di basilico tagliate a pezzetti con le mani, un pizzico di sale, uno di pepe e un filo d’olio. A parte tagliate la provola a cubetti. Mettendo l’attrezzo apposito sulla pentola, cominciamo a fare gli spatzle, mettendo un po d’impasto alla volta, non appena gli gnocchetti vengono a galla scoliamoli con una schiumarola e versiamoli in un piatto. Introduciamoli poi in una teglia precedentemente unta e condiamoli con i pomodori, versiamo sopra il parmigiano, i cubetti di provola e una generosa spolverizzata di pepe bianco. Passateli in forno a 200° per cinque minuti, con il grill accesso, giusto il tempo di far sciogliere la provola e rendere croccante la superficie. Tirateli fuori dal forno e finalmente i nostri Spatzle saranno pronti. Sembra una preparazione lunga e complicata, ma fidatevi in realtà non lo è. L’unica cosa è che si sporcano un sacco di pentole e ciotole, ma il piatto è così buono, che credetemi ne vale davvero la pena. Vi saluto e vi mando un abbraccio. Alla prossima    




lunedì 8 maggio 2017

Stivali estivi

Ciao a tutti, eccomi finalmente di nuovo qui. E’ veramente tanto che non ci si vede. Ma per un motivo o per l’altro non riesco mai a scrivere. Mi siete mancati davvero tanto, appena posso passo a salutarvi a tutti nei vostri blog, penso proprio di essermi persa un bel po’ di post. Ma torniamo a noi, il caldo e le belle giornate sono ormai alle porte, anche se queste pioggierelle improvvise hanno un po’ stufato. Finalmente ci liberiamo dei cappotti e vestiti pesanti e cominciamo anche a far respirare i nostri piedi con scarpe più leggere e sandali. Ma se proprio non riusciamo a sbarazzarci degli stivali scegliamo almeno quelli estivi. I nostri piedi ringrazieranno. Io li trovo davvero carini, anche se riesco ad indossarli solo fino a giugno, dopo proprio no. Ce ne sono di vari tipi e colori, questi primi che vedete sono quelli che posseggo io. Il colore è davvero bello e il fatto di essere chiari li fanno sembrare ancora più estivi, e poi mi piace questo modello perché mi ricorda un po i cowboy, e lo stile Country dal quale sono particolarmente affascinata, così come la musica (si ok, la musica non c’entra niente). Carinissimi anche il secondo paio che ho scovato online. Senza tacco quindi più comodi e portabili rispetto agli altri, che sono comunque comodissimi. Anche il colore poi è davvero bello.





 A voi piacciono questi stivali, oppure quando fa caldo proprio non riuscite a portarli? Lasciatemi la vostra risposta nei commenti. Ora vi saluto, sperando che non passi troppo tempo per il prossimo post. Oltretutto in questi giorni sto diventando matta con le formiche, conoscete qualche rimedio miracoloso? Le ho provate tutte aceto, ammoniaca, candeggina, oli essenziali. Ma non vogliono andarsene. Aspetto vostri consigli. Visto che sono quasi le 23:00 vi auguro una buonanotte. Un abbraccio. Alla prossima    

giovedì 27 aprile 2017

Gnocchi con crema di fagioli e rucola


Come vi dico spesso, quando torno a casa all’ora di pranzo, ho sempre una fame incredibile. Ed oggi avevo voglia di deliziarmi con qualcosa di davvero gustoso. E siccome mi piace sperimentare sempre cose nuove, e visto che oggi è giovedì, ho deciso di prepararmi degli gnocchi, con una saporitissima crema di fagioli e la rucola che conferisce al piatto quella spinta in più. Sono stati proprio un successone, e poi si preparano davvero in un attimo. Ovviamente usando degli gnocchi già pronti. Se vi ho incuriositi, ecco la ricetta (le dosi sono per una persona) :

250gr gnocchi di patate (per me “le veneziane” senza glutine)
100gr fagioli borlotti già cotti
15gr rucola
1 spicchio d’aglio
Un filo d’olio extra vergine
Sale, pepe, e peperoncino q.b.
Un mestolino d’acqua


Mettete a lessare in una pentola l’acqua salata per gli gnocchi, nel frattempo con un mixer ad immersione frullate i fagioli con un mestolino d’acqua di cottura. In un padellino scaldate un filo d’olio con l’aglio in camicia schiacciato ed un pizzichino di peperoncino in polvere. Aggiungete  la crema di fagioli e mescolate, aggiustando con un pizzico di sale. Lasciate cuocere per qualche minuto. Tuffiamo gli gnocchi nell’acqua, non appena saranno cotti tiriamoli su con una schiumarola, e versiamoli nel padellino, levando l'aglio, spegniamo il fuoco ed uniamo la rucola spezzettata con le mani. Amalgamiamo il tutto ed impiattiamo. Ultimate con un pizzico di pepe, ed il nostro piatto è finalmente pronto. Saporito, cremoso, e pungente, da leccarsi i baffi insomma. Provateli e non ve ne pentirete. Vi mando un abbraccio. A presto    


giovedì 20 aprile 2017

Julia Roberts


Questa mattina accendendo la tv scorreva la notizia che annunciava Julia Roberts come la donna più bella del mondo. Riconoscimento attribuitole già nel 1991, 2000, 2005, e 2010. Il film che l’ha resa famosa è sicuramente Pretty Woman, divina. Da lì in poi non si è più fermata, ha recitato in tantissimi film, dalle commedie romantiche come “Se scappi ti sposo”, e “Il matrimonio del mio migliore amico”, a quelli più drammatici come” Erin Brockovich”, e “Mangia prega ama”. Una donna davvero meravigliosa, che alla soglia dei 50 anni, mamma di 3 figli, sembra essere ancora più bella. Si differenzia da tante altre attrici sicuramente per la sua naturalezza, e poi ha quel sorriso che incanta. Avete presente quella pubblicità di collant? A me quel sorriso mette di buon umore e mi rasserena. Insomma complimenti a Julia Roberts. A voi piace? Lasciatemi la vostra risposta nei commenti. Io vi saluto,e vi mando un grande abbraccio. A presto    


sabato 15 aprile 2017

Torta fragole ricotta e cocco

Avete presente quei dolci che appena li mettete in bocca si sciolgono letteralmente? Ecco questa torta è proprio così, l’umidità della ricotta e la presenza delle fragole danno vita a questo dolce che và mangiato col cucchiaino vista la morbidezza e che il cocco lo rende davvero profumatissimo. Se per Pasqua cercate qualcosa di diverso dalla pastiera ed altri dolci tipici, questa torta è proprio l’ideale. Vi lascio gli ingredienti:

Per l’impasto:
250gr fragole
2 uova
70gr farina di riso
70gr farina di mais
60 gr farina di cocco
70gr zucchero
50ml olio di semi
250gr ricotta di pecora
8gr lievito chimico in polvere
60ml latte
50gr gocce di cioccolato
Per la copertura:
4 fragole
60gr cioccolato in pezzi
3 cucchiai di ricotta
Zucchero a velo per spolverizzare


Sbattete con una frusta l’olio e lo zucchero, aggiungete poi le uova, continuando sempre a mescolare, quindi la ricotta, il latte, le gocce di cioccolato, le fragole tagliate precedentemente a pezzettini finendo con il mix di farine e lievito. Versante l’impasto in una tortiera a cerniera bella grande e precedentemente unta. Inforniamo a 180° per trenta minuti. Una volta levata dal forno lasciamola raffreddare, sempre per 30 minuti. Nel frattempo sciogliamo a bagnomaria il cioccolato e tagliamo a fettine le fragole. Passato il tempo sformiamo la torta e mettiamola su un piatto o vassoio. Spalmiamo sopra la ricotta continuando con le fragole, il cioccolato colato con una sac a poche o semplicemente con un cucchiaio finendo con lo zucchero a velo, ancora trenta minuti di riposo, e la nostra torta è finalmente pronta. Davvero ma davvero buona. Se le fragole poi sono belle mature e dolci, viene proprio divina. Come dicevo prima si scioglie in bocca. Non mi resta che augurarvi una felice e serena Pasqua, e che possiate passarla con le persone che più amate. E a Pasquetta divertitevi più che potete. Vi mando un bacio enorme. Alla prossima    


venerdì 14 aprile 2017

Shopping da H&M

Oggi vi mostro l’ordine che ho ricevuto stamattina da H&M. Come vi dicevo anche negli altri post, ultimamente il tempo libero è davvero poco, e così ho deciso di fare un acquisto online, affidandomi appunto ad H&M che è sempre una garanzia. Necessitavo di una camicia da indossare per questi giorni di festa, e tra tante ho scelto questa con topolino, davvero simpaticissima, e che se ricordate ve la mostrai su un post che parlava proprio di camicie. Ultimamente ho preso qualche chiletto in più e parecchi jeans mi vanno stretti, starete pensando mettiti a dieta no? E invece no, hihi, perchè sono realista e ne ho comprati un paio nuovi, super skinny in questo blu che oltretutto mi mancava. Poi ho visto questa tutina troppo ma troppo carina, che non ho potuto non prenderla, e che sarà perfetta per l’estate. I prezzi sono 19,99€ per la camicia e stesso prezzo per i jeans, mentre la tutina è costata 24,99€.




Le misure erano tutte giuste, ed anche dal vivo i capi sono veramente belli. Spero che siano piaciuti anche voi. Vi mando un abbraccio. E vi auguro una buona serata. A presto    




sabato 8 aprile 2017

Mousse per bruschetta


Oggi voglio condividere con voi questa ricettina semplice ma davvero gustosa e adatta per questo periodo dell’anno. Ho preparato una mousse da spalmare su del pane appena tostato dando vita ad una bruschetta davvero irresistibile, che come dicevo, in questo periodo si preparano davvero spesso, magari per una cena in compagnia su una bella terrazza, anche se io a dirvi la verità le amo mangiare tutto l’anno. Se avete voglia anche voi di prepararla ecco la ricetta.

4 zucchine medie (meglio se romanesche)
1 spicchio d’aglio
1 cucchiaio d’aceto di vino bianco
160 gr stracchino
Un ciuffo di prezzemolo
Un filo d’olio extra vergine
Sale q.b.
Pepe q.b.


Tagliate a dadini le zucchine e cuocetele a fuoco basso con un goccio d’acqua e coprendole con un coperchio. Non appena saranno pronte trasferiamole in una ciotola e insaporiamole con un pizzico di sale ed uno di pepe, l’aceto, l’olio e lo spicchio d’aglio tagliato in quattro parti e privato dell’anima. Mescolatele e lasciatele così per almeno un’oretta. Passato il tempo leviamo l’aglio e versiamo il tutto nel frullatore inserendo anche lo stracchino, frulliamo e trasferiamo la mousse in una ciotola. Bruschettate il pane ed il gioco è fatto. Assaporerete una bruschetta saporita e profumata che ogni commensale ne andrà matto. Un abbraccio. Alla prossima    


venerdì 7 aprile 2017

Outfit sportivo


Eccomi qui. Scusate la lunga assenza. In questo periodo riesco a scrivere veramente poco ma spero di recuperare presto perché ho tante cose da condividere con voi. Oggi voglio mostrarvi quest’outfit, super super sportivo, che in questo periodo frenetico è proprio l’ideale. Sopra ho messo una felpa leggera tutta bella fiorita che richiama la primavera, e sotto un pantalone sportivo reso più “chic” dal tessuto in ecopelle con delle strisce laterali, e ai piedi ovviamente le mie amate sneakers.

 Felpa: Jennyfer
Pantaloni: Tally Weijl
Scarpe: Adidas Superstar

Vi è piaciuto? Spero di si…Io lo trovo pratico ma allo stesso tempo ricercato, con i giusti accessori poi si completa tutto il look. Vi auguro un magnifico weekend. A presto     

martedì 28 marzo 2017

Lasagne ai quattro formaggi


Tra i miei piatti preferiti non possono che esserci le lasagne. Col pomodoro, bianche, con le verdure, con il pesce, le amo tutte. E qualche domenica fa ho deciso di prepararle in un modo che non avevo mai provato. Ai quattro formaggi. Erano buonissime, lo si capiva già dal profumino che usciva dal forno, e al primo assaggio poi c’è stata la conferma. Saporite, cremose, insomma una vera bontà. Ho scelto dei formaggi più forti  ed altri più dolci in modo da creare il giusto mix. Ho usato delle lasagne secche, ma che non necessitano di essere lessate. Ecco la ricetta:


Per la besciamella:
½ litro di latte
50 gr maizena
70 gr burro
Sale q.b.
Noce moscata q.b.
Per le lasagne:
15 fogli di pasta (per una teglia da 8 porzioni)
130 gr cacio Romano
70 gr fontina Valdostana
150 gr Provola Silana
200 gr Caciotta di Siena
Una spolverata di parmigiano grattugiato
Pepe q.b.
Olio per ungere



Sciogliamo a fuoco dolce in un pentolino il burro con la noce moscata, fuori dal fuoco uniamo la maizena amalgamando il tutto e versiamo a filo il latte, portiamo sulla fiamma e aiutandoci girando con un cucchiaio di legno cuociamo fino a quando non si sarà formata la nostra besciamella bella cremosa ed aggiustiamo di sale. Spegniamo il fuoco e mettiamo da parte. Ungiamo la teglia, e versiamo un velo di besciamella, stendiamo il primo strato di cinque sfoglie,ancora un po’ di besciamella e il formaggio Siena tagliato a fettine, mettiamo il secondo strato di pasta, ancora besciamella (non troppa) e il formaggio Silano anch’esso tagliato a fettine. Finiamo con l’ultimo strato, unendo in questo caso prima i restanti formaggi a fette, e poi tutta la besciamella. Ho scelto di mettere per ultimi questi due formaggi perché essendo più duri si sciolgono con meno facilità e la presenza di besciamella più abbondante facilita la cosa. Spolverizzate sopra abbondante parmigiano, macinate un po di pepe  e cuocete in forno a 180°, io le ho cotte per 30/35 minuti, ma considerate che in quei giorni il mio forno si stava per rompersi, quindi dopo 25 minuti per sicurezza date un’occhiata, è probabile che ci voglia qualche minuto in meno. (In tutto ciò il forno nuovo è arrivato solo oggi. Più di un mese senza forno, ero veramente disperata). Una volta uscita dal forno lasciatela riposare un paio di minuti, e poi servitela. Sono sicura che i vostri commensali gradiranno alla grande e faranno anche il bis. Vi mando un abbraccio. Alla prossima    

lunedì 27 marzo 2017

Il monospalla

Uno dei must di questa primavera-estate è il monospalla, che troviamo sia nei vestiti che nei top. Raffinato, elegante, e di scena. Arriva con la primavera il periodo delle varie cerimonie, e un bell’abito monospalla è l’ideale. Per una serata speciale, ma sicuramente più informale, un top è l’ideale. Sia con un paio di Jeans, o magari una gonna a tubino. Come sempre ne troviamo di ogni marca e prezzo. Vi mostro due idee. Il vestito è di H&M e il top di Stradivarius.




Carini vero? Spero di esservi stata utile nel caso stiate cercando qualcosa del genere. Vi auguro un buon inizio di settimana. Un abbraccio. A presto    

lunedì 20 marzo 2017

Quiche radicchio e Fontal


Oggi voglio presentarvi una Quiche, che in realtà non era nata per finire sul blog, ma quando l’ho vista uscire dal forno ed ho sentito quel profumino pazzesco ho pensato che non potevo non condividerla con voi. Era la prima volta che la preparavo, si ok la ricetta è facile, però è venuta davvero buona, l’abbinamento radicchio e Fontalpe o Fontal che dir si voglia, è davvero vincente. Poi è veloce da fare, il che non guasta mai. Vi lascio la ricetta:

1 rotolo di pasta brisé con o senza glutine
120 gr formaggio Fontalpe
200 gr radicchio Trevigiano
1 confezione di panna da cucina
1 uovo
Sale, pepe q.b.   


Stendete la brisé in una tortiera con della carta forno o in uno stampo di silicone da crostata, ed arrotolate il bordo in modo da trattenere bene il composto. Tagliate a striscioline il radicchio ed unitelo in una ciotola con il formaggio tagliato a pezzetti, la panna, l’uovo precedentemente sbattuto, un pizzico di sale ed uno di pepe. Mescoliamo il tutto e trasferiamolo nella tortiera. Inforniamo a 190° per circa 30 minuti, quando la Quiche assumerà un aspetto dorato. Ora non ci resta che sfornarla, lasciarla riposare per 5 minuti e finalmente sarà pronta per essere mangiata. Davvero ma davvero buona, è una di quelle cose che appena le porti in tavola finiscono in un istante. Spero piaccia anche a voi. Buon inizio di settimana. A presto    


venerdì 17 marzo 2017

Aria di primavera

Eccomi, sono un po’ di giorni che non ci si vede, come state? Spero bene. Si avvicina il fine settimana e ci sentiamo tutti più rilassati vero? E poi, diciamolo piano però, il tempo questi giorni è una favola, e comincia a sentirsi l’aria di primavera. Lasciamo i maglioni, e cominciamo ad indossare capi più leggeri come ad esempio le camicie. Ed oggi voglio parlarvi proprio di loro. Quest’anno se ne trovano veramente di ogni tipo, sono super colorate, con modelli retrò, e stampe davvero particolari. Da indossare chiuse, o aperte con sotto un top per avere un aspetto più casual. Vi mostro quelle che più mi sono piaciute, e che ho trovato più originali.


                                                                               H&M 19,99€

                                                                       

H&M 14,99€


Stradivarius 29,95€


Stradivarius 15,95€


Non sono troppe belle? Soprattutto quella con le facce di topolino, davvero super. Fatemi sapere se sono piaciute anche a voi. Io vi auguro uno splendido weekend e vi mando un grosso abbraccio. A presto    




giovedì 9 marzo 2017

Spinacine di patate


La ricetta che vi presento oggi se l’è inventata mia madre, era così soddisfatta, che mi ha chiesto di rifarla insieme scrivendo dosi e tutto, in modo da poterla mettere sul blog. Ovviamente non potevo dirle di no, anche se in un anno e passa di blog, fosse mai passata una volta a leggerlo. Però la ricetta è davvero buona, che meritava di essere pubblicata. Ecco gli ingredienti:

7 patate medie (per 9 spinacine)
450gr spinaci
1 uovo
3 cucchiai di parmigiano grattugiato
Noce moscata, sale e pepe q.b.
Pangrattato per impanare


Lessiamo le patate con tutta la buccia, ed in un’altra pentola lessiamo anche gli spinaci. Una volta cotti lasciamo raffreddare entrambi. Poi schiacciamo le patate e tritiamo gli spinaci, mettiamo tutto in una ciotola ed uniamo il parmigiano, l’uovo sbattuto, il pepe il sale e la noce moscata. Mescoliamo il tutto e lasciamo riposare per una mezz’ora. Formate le spinacine passandole nel pangrattato. Infornate a 200° per 25 minuti, quando saranno belle dorate e croccanti. Una ricetta semplice ma proprio buona, da mamma per intenderci. Nel frattempo il forno a casa s’è rotto, e sono davvero disperata. Non so più che inventarmi, mi sono resa conto di usarlo più dei fornelli. Sto praticamente mangiando pasta sia a pranzo che a cena. Ora vi saluto. Buona serata. A presto    


venerdì 3 marzo 2017

Casual Outfit 2


Ciao a tutti! Dopo tanto ecco di nuovo un’outifit, di quelli semplici da tutti i giorni, belli comodi e pratici come piacciono a me. Il colore predominante di questo look è il bordeaux che amo indossare in ogni stagione e che trovo si abbini benissimo con i jeans. Le temperature sono nettamente aumentante ma una mega sciarpona di cotone non deve mancare, è proprio questo il periodo in cui si rischia di prendere i peggiori raffreddori, e poi la cervicale sicuramente ringrazierà. Che discorsi, manco mia nonna li fa. Sono proprio vecchia dentro. Quanto mi piace questo maglioncino super morbido che mi ha regalato mia madre, in questo blu così particolare.

Maglione: Oviesse
Jeans: H&M
Sciarpa: H&M
Scarpe: Adidas

Spero che quest’outfit sia piaciuto anche a voi. Vi abbraccio e vi auguro un buon weekend. A presto


giovedì 2 marzo 2017

Pane ai semi senza glutine


Non c’è cosa più buona di un bel pezzo di pane fragrante e profumato, e meglio ancora se fatto in casa. Ho provato a farlo una volta, e visto com’è venuto buono ho deciso di rifarlo con dell’aggiunta di semi di lino e di sesamo per dargli ancora più sapore. Ovviamente il mio è in versione in gluten free, ma potete farlo con qualsiasi farina. Prende questa forma un po’ a bauletto per il fatto di averlo cotto nello stampo da plumcake. Devo dire che viene proprio bene, anche per il fatto che l’impasto rimane molto morbido e quindi lo stampo lo tiene fermo e gli da comunque modo di lievitare bene. Volete prepararlo anche voi? Ecco la ricetta.

300gr farina senza glutine (io ho usato la Schar)
150ml acqua leggermente tiepida
50ml latte
4gr lievito di birra in polvere (mastro fornaio)
2 cucchiaini di zucchero
2 pizzichi di sale
3 cucchiai d’olio extra vergine
Semi di lino e sesamo q.b.
Farina di supporto q.b.
Olio di semi q.b.


In una ciotola uniamo l’acqua, il latte, e l’olio ed aggiungiamo un po’ alla volta il mix di farina, lievito, zucchero e sale. Dopo aver formato l’impasto trasferiamolo in una ciotola bella ampia precedentemente  oleata con l’olio di semi e lasciamolo lievitare coperto con un canovaccio per 3 ore. Passato il tempo aiutandoci con un po’ di farina rimpastiamo leggermente unendo i semi di sesamo e lino e trasferiamolo nello stampo da plumcake, lasciamolo lievitare sempre coperto per altri 45 minuti. Adesso scaldate il forno e cuocete il pane a 175° per 45 minuti. Una volta cotto levatelo dal forno e lasciatelo raffreddare per una mezz’ora. Levatelo dallo stampo, e il nostro filoncino di pane è finalmente pronto per essere mangiato. La casa come per magia si inebrierà di questo fantastico profumo. Conservatelo in una busta di carta e rimarrà morbido per qualche giorno. Buono per fare delle tartine, per un panino, e divino con la marmellata. Spero che la ricetta vi sia piaciuta, vi mando un abbraccio. A presto    

lunedì 27 febbraio 2017

La notte degli Oscar

La notte degli oscar è sempre molto affascinante, per glamour, curiosità, e colpi di scena. Tre anni fa lo ricordiamo per l’oscar a “La grande bellezza”, lo scorso anno per quello del grande Ennio Morricone e quello tanto sudato e desiderato di Leonardo Di Caprio, ma quello di quest’ anno rimarrà sicuramente nella storia. L’ultimo oscar della serata, quello più importante, che viene assegnato al miglior film, gente che festeggia sul palco, il sogno di una vita, per poi fare dietro-front ed assegnarlo ad un altro film, perché è proprio quello che è successo tra “La la land” e “Moonlight”, vinto poi dall’ultimo, con quella benedetta busta sbagliata. Non so come l’avrei presa al loro posto vi dico la verità, credo che mi sarebbe venuto un colpo in entrambi i casi. Ma film a parte, il motivo per cui mi piace guardare questo evento, è il look degli attori. Diciamo che se per gli uomini sbagliare è davvero difficile, per le donne invece il pericolo di sbagliare è sempre dietro l’angolo. 


Forse l’unico che non mi è piaciuto è stato Jamie dorman, quello di 50 sfumature di grigio per intenderci, più che lui perché ovviamente è bellissimo, il suo abito non mi ha convinta, la giacca chiara sul pantalone scuro e il papillon faceva veramente troppo cameriere.

Bello invece Casey Affleck nel suo completo scuro e quel look un po’ selvaggio che gli sta davvero molto bene.

Non so se il motivo sia il colore della statuetta ma parecchie star erano vestite color d’oro, a mio avviso non proprio una grande scelta, almeno non per tutte. Emma Stone è stata una di quelle che non mi è piaciuta. Le tante frange nella parte bassa del vestito mi hanno ricordato le abat-jour che andavano qualche anno fa. 

Bella, elegante e raffinata Nicole Kidman, che non ha osato troppo, e forse proprio per questo la promuovo. Bravo Armani.

Bocciatissima Dakota Johnson, l’abito era davvero orribile, sia per forma che colore. 

L’altra in oro, Jessica Biel, bellissimi lei e Justin Timberlake, l’abito non era male, ma l’ho trovato troppo accollato, peccato. Non mi sento comunque di bocciarla.

Scarlett Johansson l’adoro, ha un fascino pazzesco, ma quell'abito la faceva troppo goffa, forse colpa della parte sopra che ho trovato poco raffinata rispetto alla gonna bella ampia. 

Divina Charlize Theron, che ovviamente vestiva Dior. Bello l’abito sia nella forma che nel colore, e bella anche l’acconciatura e il trucco. Super promossa.

Un’altra che mi è piaciuta davvero tanto è Taraji P. Henson. Col nero innanzitutto non si sbaglia mai, bello sia la parte del decolté che quello dello spacco, con quel meraviglioso collier poi era nell’insieme davvero un incanto. 

Questa è ovviamente la mia opinione. Voi siete riusciti a dare un’occhiata? Aspetto qui i vostri i pareri. Un abbraccio. Alla prossima.